Come vive la sessualità un partner narcisista?

Le persone che soffrono di un Disturbo Narcisistico di Personalità sperimentano una sessualità in cui non riescono a condividere una sana intimità basata sulla condivisione reciproca del piacere fisico ed emotivo poiché la vittima viene percepita come un essere subordinato che bisogna dominare. Infatti, dopo la fase iniziale della relazione caratterizzata da un coinvolgimento intenso ed estasi, la persona narcisista inizia a percepire una graduale perdita di interesse verso il partner e sistematicamente si rimette “a caccia” di altre vittime come un predatore poiché la sua personalità patologica non gli permette di avere delle relazioni basate sulla condivisione e sulla cooperazione. Ne consegue che l’ostentare le sue abilità seduttive sarà una stampella che utilizzerà per reggere il suo fragile mondo interiore.

Tuttavia, la vittima inizierà pian piano a percepire la mancanza di calore relazionale e, nel momento in cui proverà ad esprimere i propri desideri e a chiedere aiuto, smettendo così di rinforzare la sua immagine grandiosa, il/la narcisista darà forfait allontanandosi gradualmente dal rapporto. La relazione con una persona narcisista metterà la vittima in una condizione sgradevole caratterizzata da un “effetto yo-yo”, facendola così oscillare tra in momenti in cui si sentirà indispensabile ed amat* e momenti di trascuratezza ed abbandono.

Tuttavia, è giusto che io vi informi che la relazione con un/una narcisista sarà difficile da interrompere per il seguente motivo: dopo varie dinamiche relazionali in cui la persona narcisista comparirà e poi scomparirà, sarà poi abilissim* nel far creder alla vittima di essere speciale, unic* al mondo e il/la prescelt* tra tant*. Dunque, per questa sensazione illusoria e temporanea che la vittima continuerà a ricaderci, tornando perennemente sui propri passi e rimettendo continuamente in dubbio la qualità della relazione.


Se leggendo queste poche righe vi siete riconosciuti nei panni della vittima che è logorata a causa della relazione con una persona che soffre di un Disturbo di Personalità Narcisistico, in qualità di psicoterapeuta è giusto che io vi informi che aspettare che le cose cambino non è la cosa giusta da fare. Infatti, non si soffre tanto per come la persona narcisista si comporta ma per le ragioni per cui si continua a frequentare. Il vostro dolore deriva quindi dalle ragioni che vi allontanano dal mollare la presa e che dovrebbero essere risolte e affrontate attraverso un percorso di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale affinché possiate quanto prima recuperare la vostra qualità della vita.

Dott. Alessandro Di Domenico – Psicologo e Psicoterapeuta

Centro di Psicoterapia e Salute Mind Lab – MARTINSICURO (TE)

Se hai gradito questo articolo, puoi commentarlo qui sotto ed eventualmente condividerlo sui social network. Inoltre, se pensi di aver bisogno di una consulenza psicologica online o in presenza presso il mio studio, puoi contattarmi telefonicamente, via sms o What’s App al 389|5287600 o mandare una email al seguente indirizzo di posta elettronica info@alessandrodidomenico.com

BIBLIOGRAFIA

  • American Psychiatric Association, “Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali – 5° Edizione” (2013)
  • Behary W. T., Parpaglione E., “Disarmare il narcisista. Sopravvivi all’egocentrico e migliora la tua vita‎” (2012)
  • Carcione A., Semerari A., “Il narcisismo e i suoi disturbi. La terapia metacognitiva interpersonale” (2018)
  • Dimaggio G., “L’illusione del narcisista. La malattia nella grande vita” (2016)
  • Salvatore G., Carcione A., Dimaggio G., “Schemi interpersonali nel disturbo narcisistico di personalità: la centralità della scarsa agentività e della dipendenza. Implicazioni per la relazione terapeutica” Cognitivismo Clinico (2012)
  • Semerari A., Dimaggio G., “I disturbi di personalità: modelli e trattamento” (2003)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *