Cosa fare con figli se i genitori si separano?

Annunciare a bambini e adolescenti una crisi coniugale che culminerà con una separazione o con un divorzio non è mai un passo semplice da compiere. Infatti, nel momento in cui bisognerà dialogare con loro, la maggior parte dei genitori sperimenta diverse emozioni come angoscia ed impotenza, non conoscendo le modalità più idonee per compiere questo gesto. Tuttavia, è normale che ogni genitore provi timore riguardo questa scelta poiché è preoccupato che ciò potrà avere delle ripercussioni sul benessere dei propri figli ma è importante che pian piano inizi a farsi un po’ di forza per comunicare questo importante cambiamento nel sistema familiare.

Qui di seguito, vi fornirò alcuni consigli che vi saranno utili per limitare la sofferenza di tutti e vi aiuteranno a pian piano a riprendere in mano la situazione:

  • SIATE ONESTI ED EMPATICI

Nonostante cerchiate di trovare le migliori parole migliori, comunicarlo non sarà per nulla facile ed è normale sperimentare disagio e confusione. Tuttavia, è consigliato avere un approccio empatico che vi permetterà di affrontare tutte le questioni più importanti. Inoltre, date ai vostri bambini e ai vostri ragazzi una spiegazione onesta poiché è un loro diritto sapere le questioni importanti che accadono nella loro vita e quindi è giusto che conoscano i motivi della crisi. Scegliete delle parole semplici come “Mamma e papà non riescono più ad andare d’accordo”. Se lo riterrete necessario, ribadite che questo potrà anche tradursi in discussioni tra figli e genitori che, nonostante eventuali litigi, non smetteranno mai di amarli ma cercheranno comunque di trovare dei compromessi per il loro bene.


  • RICORDATE AI VOSTRI FIGLI CHE LI AMATE

Questo suggerimento vi sembrerà scontato ma non lo è affatto! Infatti, rassicurare i vostri figli sul fatto che il vostro affetto e il vostro amore per loro non muterà mai è un segnale che manterrà il legame stabile. Ricordate anche che loro saranno sempre al primo posto, che li accudirete e gli sarete vicini nelle scelte più importanti nella loro vita come la scuola, l’università, lo sport, le amicizie e tutto ciò che concerne la loro gestione.


  • ANTICIPATE I CAMBIAMENTI CHE CI SARANNO

Cercate di avvisarli quanto prima di tutti i cambiamenti futuri. Ad esempio, comunicate loro dove andranno a vivere e con chi, quante volte e come potranno vedersi con l’altro genitore ed esortateli a chiedere altro affinché loro possano gestire in maniera ottimale lo stress che questa situazione necessariamente comporterà.


  • CONTATTATE UN PROFESSIONISTA DELLA SALUTE MENTALE

Considerando la recente letteratura che indica la separazione precoce dei genitori come un fattore traumatico altamente predisponente per loro sviluppo di eventuali forme di psicopatologia per il futuro, le linee guida nazionali ed internazionali suggeriscono di rivolgersi ad uno psicoterapeuta specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale e nel trattamento EMDR per evitare ulteriori effetti negativi sulla salute mentale dei vostri figli. Infatti, uno psicoterapeuta aggiornato e preparato potrà aiutare i vostri figli a padroneggiare i propri stati emotivi, riconoscere i pensieri disfunzionali e recuperare la fiducia in sé con un conseguente miglioramento della loro qualità della vita e potrà eventualmente supportarvi in un percorso di parent training finalizzato a vivere la separazione in maniera meno caotica e più collaborativa

Dott. Alessandro Di Domenico – Psicologo e Psicoterapeuta

Centro di Psicoterapia e Salute Mind Lab – MARTINSICURO (TE)

Se hai gradito questo articolo, puoi commentarlo qui sotto ed eventualmente condividerlo sui social network. Inoltre, se pensi di aver bisogno di una consulenza psicologica online o in presenza presso il mio studio, puoi contattarmi telefonicamente, via sms o What’s App al 389|5287600 o mandare una email al seguente indirizzo di posta elettronica info@alessandrodidomenico.com 


BIBLIOGRAFIA

  • Felitti V.J., Robert F. A., “The relationship of Adverse Childhood Experiences to Adult Medical Disease, Psychiatric Disorders and Sexual Behaviour: Implications for Healthcar” (2012)
  • Felitti V. J., Anda R. F., Williamson D. F., Spitz A. M., Edwards V., Koss M. P., Marks J. S., Nordenberg D., “Relationship of childhood abuse and household dysfunction to many of the leading causes of death in adults. The Adverse Childhood Experiences (ACE) Study” (1998)
  • Liotti G., Farina B., “Sviluppi traumatici. Eziopatogenesi, clinica e terapia della dimensione dissociativa” (2011)
  • Van Der Kolk B., “Il corpo accusa il colpo. Mente, corpo e cervello nell’elaborazione delle memorie traumatiche” (2015)
  • Verardo A. R., Lauretti G., “Riparare il trauma infantile. Manuale teorico d’integrazione tra sistemi motivazionali ed EMDR” (2020)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *